mercoledì 29 ottobre 2008

Dreaming of the Sea

Ieri sera per addormentarmi serenamente pensavo al mare... all'estate, che mi sembra passata da così tanto tempo.
Pensavo ad una spiaggia della Sardegna o della Grecia...
cercavo di ricordare con forza la sensazione dei piedi nudi sulla sabbia. Quando da seduta li sprofondo tra la sabbia e poi li strofino per far si che quei minuscoli granellini accarezzino la pelle levigandola...
Pensavo alle onde che si infrangono sulla spiaggia, a quei buchini che creano sul bagnasciuga una volta che l'acqua si ritira e si rimescola tra sè, a quelle energiche carezze che sento sul corpo quando mi scontro con le onde più forti, o al solletico che ricevo quando invece l'acqua è calma.
E poi al sole che mi bacia, mi avvolge, mi riempie lo spirito di sorrisi, di luce e di vita.
Allo sguardo che tende a quell'infinito orizzonte, al respiro che si fa intenso per la voglia di trattenere dentro quel profumo rotondo.

Sardegna: Costa Verde... Scivu e Piscinas






...Così tra questa
Immensità s’annega il pensier mio:
E il naufragar m’è dolce in questo mare.
Da L'Infinito di Giacomo Leopardi

10 commenti:

Ste ha detto...

ooohhhhhhhh che visione! :)

Stasera cercherò di immaginare il mare anch'io e magari metto in sottofondo il cd newage con il suono delle onde del mare che s'infrangono sul bagnasciuga!

a.o. ha detto...

Le spiagge deserte sono la mia passione. Oggi mi hai fatto un bellissimo regalo, lidia.

blunotte ha detto...

mare che passione, arrivooooooooooo

Fastidiosa ha detto...

@Ste: anche tu ascolti quei cd? sai che quest'estate al mare ho registrato il rumore del vento e del mare?!

@Aiuola cara, mi fa piacere. Quando riguardo queste foto ricomincio a sognare ad occhi aperti, quei posti che adoro.

@Blunotte: siii tutti al mareeee, a mostrar le ...... chiareeee

Nina ha detto...

che cielo immensamente lucido.
è vero, sembra lontanissimo quel sole ora..

Rossana ha detto...

È una bella visione, in un mattino funestato dal vento e dal mal di testa.
Ti immagino piena di sole in viso, con gli occhi un po' chiusi dal riflesso, un cappello di paglia.
Credo che il prossimo anno, quando arriveranno le vacanze estive, vivrò questi momenti in maniera diversa (mi mancherai molto).

Rossana ha detto...

Lidia, torno dal blog di Nina e ho letto la tua considerazione sugli abbracci agli alberi.
Se possibile, ti voglio ancora più bene.

STE ha detto...

Registri i suoni della natura?!
Noto che su ogni cosa che fai ti prendi il tuo tempo e fai di tutto per non perderti nemmeno un attimo!
Metti in ordine, scegli la luce migliore e scatti... oppure attendi il suono perfetto e registri!

Io invece, al contrario, faccio in modo di assorbire il più possibile ciò che di bello vivo, per poi ricordarmene nei momenti un po' più bui! Come se fosse energia che mi ricarica o che tengo come riserva. Poi basta chiudere gli occhi e rivivo il tutto ... anche quando sto seduta a una fredda e sterile scrivana di un open space! :P

Interessante esperimento cmq ... sarebbe da ascoltare ;)

valeria ha detto...

Mi hai fatto venire nostalgia del mio mare!!! Stasera prima di addormentarmi penserò ai miei scoglietti profumati...

Fastidiosa ha detto...

@Nina: è lontano è vero, ma facciamo del nostro meglio per tenerlo vivo dentro di noi!

@Rossana: quando mi immergo nella natura a volte divento una romanticona! abbraccio gli alberi, ma per fortuna anche le persone! un abbraccio forte tutto per te!

@Ste: ho registrato il mare con la videocamera un paio di volte sul momento perchè lo amo talmente che due settimane l'anno mi sembrano poche, e quando è l'ora del ritorno mi instristisco un sacco e faccio di tutto perchè vorrei portare con me quel paradiso...
quindi raccolgo dei sassi, delle conchigliette e magari un pugno di sabbia... come se la vista e il ricordo non mi bastassero.
la luce migliore e il suono perfetto in ferie non le aspetto e non le cerco ci sono in ogni singolo attimo.

@Valeria: pensare ad un luogo amato per addormentarsi è quasi una terapia... vero?

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails